Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Sopralluogo legittimo anche se effettuato senza delega esplicita di una delle imprese consorziate

Sopralluogo legittimo anche se effettuato senza delega esplicita di una delle imprese consorziate
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
10
NOV 17

Nel caso di partecipazione a una gara d' appalto di lavori da parte di un consorzio di imprese, l' eventuale sopralluogo - comunque svolto dal dipendente dell' impresa esecutrice dei lavori - non esige una specifica delega anche delle singole consorziate.

È questo l' approdo, che tende a ridurre l' approccio eccessivamente formalistico delle stazioni appaltanti del Tar Marche, Ancona, sezione I, con la sentenza n. 829/2017. La vicenda La stazione appaltante non ha ritenuto corretta la dichiarazione di sopralluogo in quanto il soggetto che aveva proceduto con la ricognizione risultava delegato solamente dal consorzio e non anche dall' impresa consorziata esecutrice dei lavori. Il provvedimento di esclusione, secondo il giudice, non può ritenersi legittimo non risultando affatto «insanabile» la circostanza «che la dichiarazione depositata in sede gara non sia stata sottoscritta anche dalla cooperativa» consorziata considerato che il soggetto che aveva espletato il sopralluogo - alla presenza di un dipendente della stazione appaltante - ha agito in qualità di dipendente della medesima e «quindi come proprio rappresentante, quantomeno di fatto». Per le stesse ragioni, prosegue il giudice, «non risulta insanabile l' omessa produzione della formale delega rilasciata anche dalla citata cooperativa». A ragionare diversamente, si legge in sentenza, risulterebbe quantomeno «singolare e obiettivamente illogico che un dipendente dell' impresa consorziata incaricata dell' esecuzione dei lavori, agisca solo per il consorzio e non anche per il proprio datore di lavoro diretto interessato alla loro esecuzione». Ulteriore aspetto che è risultato dirimente per ritenere fondata l' impugnazione è che il sopralluogo era stato eseguito alla presenza di un tecnico della stazione appaltante, «che ne ha attestato la regolarità, per cui se fossero emersi dubbi sull' identità del soggetto e sui relativi poteri di rappresentanza, si sarebbe potuto chiedere chiarimenti al momento, la cui mancanza non può poi andare a discapito dell' offerente, escludendolo addirittura dal beneficio del soccorso istruttorio». La legge di gara Altra riflessione espressa in sentenza è che né la legge di gara, né dai successivi chiarimenti forniti dal responsabile unico si è rilevato «alcun espresso divieto al fatto che un solo soggetto potesse rappresentare contemporaneamente sia il consorzio che la consorziata per la quale il consorzio concorreva». Da qui, la logica conclusione che solo da una analisi nel merito la stazione appaltante avrebbe potuto escludere l' offerente ovvero, una volta rilevato che «le concrete modalità di svolgimento del sopralluogo, imputabili esclusivamente ad esso (quale adempimento irripetibile stante l' avvenuta scadenza del termine stabilito), non fossero state ritenute sufficienti per assicurare lo scopo della norma». In sostanza, la stazione appaltante avrebbe dovuto dimostrare - per legittimare l' esclusione - che l' offerta era stata formulata senza avere preventivamente «acquisito la piena cognizione dei luoghi» di svolgimento dei lavori. 

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 10/11/2017 - autore STEFANO USAI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it