Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Presto le gare dei Comuni per gli impianti sportivi

Presto le gare dei Comuni per gli impianti sportivi
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
11
OTT 17

Il bando "sport e periferie", promosso dal governo e partito nel 2015 con 100 milioni di euro (nell' arco del triennio 2015-2017) sta passando dalla carta ai cantieri.

È quanto emerge da una fotografia della situazione scattata dal Coni sull' istruttoria in corso. Il bando lanciato dal Comitato olimpico ha scatenato una richiesta "monstre" di 1,3 miliardi di progetti presentati da 1.681 comuni. Dopo una selezione non semplice è stata definita una graduatoria e ora si stanno assegnando 88 milioni di euro per finanziare i 192 interventi selezionati, in due diverse linee. La prima vede 27 milioni ripartiti tra una decina di progetti in periferie "simbolo" delle grandi città. La seconda include 183 progetti finanziati con 55,5 milioni di euro. C' è poi il finanziamento dei lavori al centro di preparazione olimpica Giulio Onesti di Roma. La fotografia del Coni si riferisce in particolare all' istruttoria dei 183 progetti, per 55,5 milioni. Di questo valore, il 40% si è già trasformato in cantiere, o è pronto per farlo, perché gli 80 comuni interessati hanno già firmato le convenzioni oppure stanno per farlo. Il restante 60% del programma sta marciando e - se i Comuni beneficiari saranno solleciti nel presentare la documentazione integrativa richiesta (soprattutto di tipo progettuale) - si stima che gli appalti potranno andare in gara entro gennaio 2018.La maggior parte delle risorse assegnate - pari quasi al 70% - è andato a regioni del Mezzogiorno e Isole. Il podio è infatti tutto al Sud. Staccatissima la Sicilia, che ha "agguantato" 15,3 milioni di euro. Al secondo posto la Puglia con poco più di 7 milioni, seguita dalla Calabria con 5,6 milioni. In cima alle richieste ci sono i campetti di calcio, seguiti da centri e palestre polivalenti. E questo fa capire che le risorse messe a bando sono servite a colmare una carenza di strutture di base. Più rare le richieste di impianti specializzati come bocciodromi, velodromi o campi da cricket. L' enorme domanda insoddisfatta dovrebbe avere una seconda possibilità. Il ministro dello Sport, Luca Lotti, ha confermato la volontà di trovare le risorse per finanziare la seconda edizione del bando "sport e periferie". Un lavoro che si dovrebbe concludere entro i prossimi giorni di ottobre. Come si diceva, il secondo canale del piano vede interventi su una ristretta lista di impianti sportivi in alcune periferie urbane "famose": dal nuovo palazzetto dello Sport del Corviale di Roma al centro sportivo Boscariello nel quartiere Scampia di Napoli, dall' ammodernamento dello stadio Stella Polare di Ostia al Palazzetto dello Sport nel quartiere Zen di Palermo, dalla nuova pista di atletica "Pietro Mennea" di Barletta alla piscina Cardellino nel quartiere Lorenteggio a Milano. 

 

A cura di Il Sole 24 Ore del 11/10/2017 pag. 26 - autore Massimo Frontera


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it