Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Appalti, il programma di lavori e acquisti slitta di un anno

Appalti, il programma di lavori e acquisti slitta di un anno
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
10
OTT 17

Pronto per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale lo schema di decreto , elaborato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il ministero dell' Economia, riguardante il «Regolamento recante procedure e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale dei lavori pubblici, del programma biennale per l' acquisizione di forniture e servizi e dei relativi elenchi annuali e aggiornamenti annuali».

Il Consiglio di Stato ha espresso due pareri favorevoli ( n. 351/2017 e n. 1806/2017 ), sulla versione originaria e su quella modificata, a seguito delle novità introdotte dal "correttivo" del codice appalti. Dal canto suo, la Conferenza Unificata ha definito le proprie proposte di modifica. Il programma Il decreto si compone di 11 articoli e due allegati, contenenti gli schemi-tipo per la programmazione. Le nuove regole, di fatto, slittano di un anno rispetto alla previsione contenuta nella bozza di decreto, in quanto l' approvazione del programma, in base al primo comma dell' articolo 21 del codice, è coerente con i documenti programmatori e di bilancio. L' ente deve individuare una struttura e il soggetto referente per la redazione del programma, che può essere unico per lavori e acquisti, con il compito di coordinare dati, informazioni e proposte dei Responsabile unico del procedimento (Rup). Il programma va redatto ogni anno, scorrendo l' annualità pregressa e aggiornando i programmi precedentemente approvati. Non vanno inseriti quei lavori o acquisti per i quali sia stata già avviata la procedura di affidamento. Ogni lavoro o acquisto è individuato univocamente dal Codice unico di intervento e dal Cup, se previsto. Una volta adottato, il programma e il relativo elenco annuale devono essere pubblicati sul profilo del committente: è facoltà delle amministrazioni consentire la presentazione di eventuali osservazioni entro 30 giorni dalla pubblicazione. Oltre alla quantificazione delle risorse necessarie, i lavori e gli acquisti possono essere inseriti nel programma solo se è intervenuta la relativa progettazione. Le priorità Vanno definiti ordini di priorità dei programmi, con al primo posto, i lavori di ricostruzione, riparazione e ripristino conseguenti a calamità naturali e, in subordine quelli relativi al completamento delle opere pubbliche incompiute, indicando modalità e risorse per il completamento, anche attraverso soluzioni alternative. Qualora si ritiene, con atto motivato, l' insussistenza dell' interesse pubblico al completamento e alla fruibilità dell' opera, le amministrazioni indicano nel programma le opere di cui intendano cedere la titolarità o per cui intendano procedere alla demolizione. La mancata redazione del programma implica che l' amministrazione non possa procedere alla realizzazione del lavoro o con l' acquisto, salvo che ciò sia reso necessario per far fronte a eventi imprevedibili o calamitosi, sopravvenute disposizioni di legge o regolamentari. Le responsabilità Da evidenziare che il correttivo ha abrogato il comma 505, articolo 1 della legge n. 208/2015 in cui era previsto un articolato meccanismo di responsabilità in caso di mancata redazione del programma. Tuttavia lo schema di decreto, al fine di evitare arbitrari comportamenti, prevede la pubblicazione nella sezione trasparenza della mancata adozione del programma "per assenza di lavori, o assenza di acquisti di forniture e servizi". Da ciò si deduce che la mancata predisposizione del programma per negligenza, attiva responsabilità, quanto meno disciplinari, dei soggetti tenuti all' adempimento. In attesa della pubblicazione del decreto vige la disciplina transitoria di cui all' articolo 216, comma 3, del codice.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 10/10/2017 - autore STEFANIA SORRENTINO


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it