Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Codice dei Contratti, le novità dopo il Decreto correttivo in uno studio del Notariato

Codice dei Contratti, le novità dopo il Decreto correttivo in uno studio del Notariato
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
11
SET 17

A 4 mesi dalla pubblicazione in Gazzetta del Decreto Legislativo n. 56/2017 (c.d. Decreto correttivo) che ha modificato il Decreto Legislativo n. 50/2016 (c.d. Codice dei contratti), il Consiglio Nazionale del Notariato ha messo a disposizione uno studio che delinea le novità introdotte nel sistema degli appalti pubblici.

Il lavoro del Notariato si propone di offrire una guida alla lettura del rinnovato sistema degli appalti pubblici, delineando gli istituti rilevanti e le novità giurisprudenziali, con particolare riguardo alla funzione notarile. In tale prospettiva, risulta oggetto di peculiare approfondimento non solo la disciplina relativa allo svolgimento della procedura di appalto ma, soprattutto, quella concernente la stipula del contratto e le vicende ad essa successive.
Nel dettaglio, lo studio si compone di 18 sezioni:

1. La disciplina dell’appalto nel diritto amministrativo. Premessa;
2. L’appalto pubblico nel diritto interno: normativa statale e regionale;
3. L’appalto pubblico nelle nuove Direttive comunitarie e nel D.lgs. n. 50/2016: sintesi delle novità normative;
3.1. Il D.lgs. 19 aprile 2017, n. 56 (cd. “Decreto correttivo”);
4. La tipologia dei contratti e gli atti attuativi;
5. I contratti esclusi dalla applicazione del codice.;
6. Le modalità di affidamento;
6.1. Segue: l’integrazione dell’efficacia e la stipula del contratto;
7. L’affidamento al soggetto privato delle opere di urbanizzazione;
8. Le soglie;
9. Le stazioni appaltanti;
10. I soggetti dell’appalto pubblico. Premessa;
10.1. Gli imprenditori, le società e le cooperative;
10.2. I consorzi di cooperative, i consorzi tra imprese artigiane ed i consorzi stabili;
10.3. I raggruppamenti temporanei di concorrenti ed i consorzi ordinari;
10.4. Il contratto di rete ed il “gruppo europeo di interesse economico”;
11. Le garanzie: la garanzia per la partecipazione alla procedura;
11.1. Segue: La garanzia per l’esecuzione del contratto;
12. Le modifiche soggettive ed oggettive del contratto nella disciplina del D.lgs. n. 50/2016;
13. La cessione del contratto di appalto pubblico. Premessa;
13.1. Segue: le vicende soggettive del contraente nell’appalto di opere pubbliche. La fase antecedente la aggiudicazione dell’appalto;
13.2. Segue: la fase successiva alla conclusione del 2 contratto;
14. La cessione del credito nel codice degli appalti;
15. La sospensione del contratto;
16. La risoluzione del contratto;
17. Il subappalto;
18. Forma del contratto ed atto pubblico informatico.
Interessante è la sintesi delle novità normative introdotte con le nuove Direttive comunitarie e con il D.lgs. n. 50/2016. In particolare, le direttive del 2014 non modificano in profondità l’assetto preesistente, ma lo aggiornano alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia, completandolo con nuovi istituti e introducendo nuove regole per aspetti precedentemente non sottoposti alla disciplina degli appalti. Punto di partenza della nuova disciplina appare essere la migliore allocazione delle risorse al dichiarato fine di accrescere l'efficienza della spesa pubblica, facilitando in particolare la partecipazione delle piccole e medie imprese agli appalti pubblici. In sintesi:

Per quanto concerne il Decreto correttivo, il Notariato rileva come questo sia stato pubblicato in Gazzetta a distanza di oltre tre settimane dalla approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri). Le modifiche apportate dal correttivo seguono tre direttrici:

In particolare, tra le novità introdotte il Notariato segnala:

 

A cura di Redazione LavoriPubblici.it del 11/09/2017


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti
Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali Gentile utente,
ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it