Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Subappalti più facili e con maggiori possibilità di utilizzo

Subappalti più facili e con maggiori possibilità di utilizzo
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
07
MAG 19

Il subappalto può essere previsto dalla stazione appaltante nei documenti di gara sino al 50% del valore del contratto e gli aggiudicatari possono subappaltare a operatori economici che abbiano partecipato alla stessa gara. Il Dl 32/2019 ha apportato numerose modifiche alla disciplina del subappalto, determinandone una possibilità di utilizzo più ampia rispetto al quadro precedente nonché semplificando alcuni aspetti connessi alla procedura di gara e all' esecuzione.

Le modifiche La prima conseguenza delle nuove disposizioni riformulate nel comma 2 dell' articolo 105 del codice dei contratti pubblici è la più netta evidenziazione dell' obbligo di indicazione del subappalto nel bando di gara (o nella lettera di invito nelle procedure ristrette o negoziate). La disposizione può essere interpretata anche nel senso di permettere all' amministrazione di non prevedere il subappalto, non indicandolo nei documenti di gara. Rispetto a questa scelta la stazione appaltante deve tener conto dell' interpretazione estensiva dell' istituto in ambito eurounitario (nel quale il subappalto è considerato uno strumento di flessibilizzazione organizzativa ampiamente utilizzabile dagli operatori economici) e delle indicazioni della giurisprudenza, che rispetto al regime previgente hanno ammesso l' esclusione, ma solo se motivata in rapporto a peculiarità dell' appalto.
La stazione appaltante ha in ogni caso la possibilità di determinare il dimensionamento quantitativo dell' appalto entro la soglia del 50% del valore del contratto (con l' unica eccezione per le opere super-specialistiche, per cui il limite rimane al 30%), eventualmente tenendo conto anche delle specificità dei lavori, dei servizi o delle forniture oggetto dell' appalto stesso. In relazione alla procedura di affidamento il Dl 32/2019 ha abrogato il comma 6 dell' articolo 105 del Dlgs 50/2016, eliminando l' obbligo di indicazione della terna dei subappaltatori da parte dei concorrenti in sede di partecipazione alla gara, ma rimane per gli operatori economici la specificazione in sede di offerta delle parti che intendono subappaltare, se vogliono poi esercitare la facoltà nel corso dell' esecuzione dell' appalto.
Protocolli di legalità Il decreto Sblocca-cantieri, abrogando la disposizione contenuta nella lettera a) del comma 4 dell' articolo 105 consente ora all' aggiudicatario di subappaltare a un altro operatore economico che abbia partecipato alla stessa gara. L' eliminazione della disposizione che vietava la relazione ex post tra soggetti partecipanti alla stessa gara deve essere considerata anche in rapporto ai protocolli di legalità, in uso in molti contesti territoriali al fine di contrastare le infiltrazioni negli appalti delle organizzazioni criminali, per verificare se incide sugli stessi (determinando la disapplicazione delle clausole) o se non ne tocca la portata applicativa come strumenti integrativi della lex speciali con particolare finalità di garanzia dell' ordine pubblico. Nell' esecuzione dell' appalto la stazione appaltante non deve più pagare direttamente i subappaltatori per la sola configurazione degli stessi come micro o piccole imprese, ma solo in caso di inadempimento da parte dell' appaltatore o se vi sia una specifica richiesta da parte del subappaltatore.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 07/05/2019


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy