Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Ati verticali ammesse se la gara prevede prestazioni principali e secondarie

Ati verticali ammesse se la gara prevede prestazioni principali e secondarie
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
07
MAG 19

La possibilità di ammettere ad una gara un raggruppamento di tipo verticale si rende attuabile solo laddove la stazione appaltante abbia preventivamente individuato negli atti di gara, con chiarezza, le prestazioni «principali» e quelle «secondarie». Lo stabilisce il Consiglio di Stato, Sezione V, con sentenza n. 2243/2019 .

Il caso È stata contestata la ammissione alla gara di una Ati verticale in quanto la lex specialis , limitandosi a prevedere la sola elencazione di tutte le attività costituenti il servizio, non prevedeva la distinzione tra servizi principali e secondari di cui all' ultima parte dell' articolo 48, comma 2, del Dlgs n. 50/2016, e non consentiva, pertanto, la partecipazione di tale tipologia di raggruppamenti temporanei. Il Giudice amministrativo, rilevando quindi, che nel caso di specie la lex specialis della gara non conteneva una specifica suddivisione delle prestazioni dedotte in contratto, ha stabilito che non era consentito ai concorrenti di procedere di propria iniziativa alla suddetta scomposizione.
La decisione I Giudici di Palazzo Spada hanno chiarito che il divieto in questione si giustifica in ragione della disciplina legale della responsabilità delle imprese riunite in associazione temporanea, dettata nel previgente ordinamento della materia dall' articolo 37, comma 5, del Dlgs n. 163 del 2006 (ed oggi dall' articolo 48, commi 2 e 5, del Dlgs n. 50 del 2016), in base al quale nei raggruppamenti verticali, la responsabilità dei concorrenti che si fanno carico delle parti secondarie del servizio è circoscritta all' esecuzione delle prestazioni di rispettiva competenza. Quindi non è possibile rimettere alla loro libera scelta l' individuazione delle prestazioni principali e di quelle secondarie (attraverso l' indicazione della parte del servizio di competenza di ciascuno).
Il Consiglio di Stato peraltro ha chiarito che la distinzione tra raggruppamenti verticali e orizzontali non è puramente nominalistica, ma discende dalle concrete e specifiche attribuzioni delle imprese associate secondo il principio enunciato dall' Adunanza plenaria del Consiglio di Stato con sentenza 13 giugno 2012, n. 22, a mente del quale «La distinzione tra Ati orizzontali e Ati verticali [...] poggia sul contenuto delle competenze portate da ciascuna impresa raggruppata ai fini della qualificazione a una determinata gara: in linea generale, l' Ati orizzontale è caratterizzata dal fatto che le imprese associate (o associande) sono portatrici delle medesime competenze per l' esecuzione delle prestazioni costituenti l' oggetto dell' appalto, mentre l' Ati verticale è connotata dalla circostanza che l' impresa mandataria apporta competenze incentrate sulla prestazione prevalente, diverse da quelle delle mandanti, le quali possono avere competenze differenziate anche tra di loro».
In definitiva, spiega il Giudice amministrativo, la questione si pone non al livello della teorica ammissibilità o inammissibilità della partecipazione alla gara di un raggruppamento di tipo verticale, bensì sul piano della presenza, o meno, nella lex specialis , della suddivisione delle prestazioni in principali e secondarie.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 07/05/2019


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2015
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2017
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy