Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Illeciti professionali, l'esclusione va motivata

Illeciti professionali, l'esclusione va motivata
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
29
MAR 19

L' elencazione dei gravi illeciti professionali contenuta nel codice appalti è meramente esemplificativa e la stazione appaltante può escludere il concorrente anche sulla base di altri gravi indizi, fornendone però «motivazione adeguata».

Lo ha precisato il Consiglio di stato, sezione quinta con la sentenza del 20 marzo 2019 n. 1846 in tema di esclusione per grave illecito professionale fornendo una interpretazione del comma 5, lettera c) dell' articolo 80 del codice dei contratti pubblici. In particolare, i giudici hanno affermato che «non è indispensabile che i gravi illeciti professionali che devono essere posti a supporto della sanzione espulsiva del concorrente dalla gara siano accertati con sentenza, anche se non definitiva».
Quello che conta è che basta che gli illeciti «siano ricavabili da altri gravi indizi, atteso che l' elencazione dei gravi illeciti professionali rilevanti contenuta nella disposizione normativa succitata è meramente esemplificativa e la stazione appaltante ha la possibilità di fornirne la dimostrazione con mezzi adeguati». L' elencazione contenuta in detta norma, del resto, è meramente esemplificativa, per come è fatto palese sia dalla possibilità della stazione appaltante di fornirne la dimostrazione «con mezzi adeguati», sia dall' incipit del secondo inciso, nella versione in vigore al momento di adozione del provvedimento impugnato.
Per la giurisprudenza è infatti consentito alle stazioni appaltanti escludere da una procedura di affidamento di contratti pubblici i concorrenti in presenza di pregressi gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la loro integrità o affidabilità. In tali ipotesi, la valutazione in ordine alla rilevanza in concreto ai fini dell' esclusione dei comportamenti accertati è rimessa alla stazione appaltante. Nel caso esaminato dai giudici, le risultanze delle indagini penali (rinvio a giudizio per presunta costituzione di un archivio dati illegale) hanno assunto rilievo come fattore sintomatico dell' inaffidabilità dell' operatore economico e, come tali, sono stati di per sé sufficienti a giustificarne l' esclusione trattandosi di affidamento di servizi di intercettazione.

 

A cura di Italia Oggi del 29.03.2019


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy