Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Niente soccorso istruttorio se manca la documentazione amministrativa dell'offerente

Niente soccorso istruttorio se manca la documentazione amministrativa dell'offerente
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
05
DEC 18

Il Tar Veneto, con la sentenza n. 1092/2018, ha chiarito che l' appaltatore che non ha allegato la propria domanda di partecipazione (né i documenti amministrativi correlati) deve essere escluso dalla procedura di gara non potendo la stazione appaltante legittimamente azionare il soccorso istruttorio integrativo (comma 9 dell' articolo 83 del codice) a pena dell' alterazione della par condicio tra i competitori.

Il fatto Il giudice è stato chiamato ad affrontare una situazione particolare di una gara da aggiudicarsi in 5 lotti relativa alla procedura aperta telematica, «per l' affidamento del servizio di lavanolo biancheria, materasserie, capi di vestiario per le aziende sanitarie della regione Veneto». La particolarità è stata determinata dalla circostanza che il ricorrente ha partecipato a 4 dei 5 lotti singolarmente mentre a uno dei lotti, il n. 3, ha voluto partecipare in associazione temporanea d' impresa. Nel caricare sulla piattaforma telematica la domanda di partecipazione al lotto n. 3, il ricorrente ha inserito la stessa documentazione (in questo caso parziale e carente) già caricata per le partecipazioni singole. In sostanza non era stata caricata la domanda relativa alla partecipazione in Ati e la documentazione amministrativa della mandante. Di conseguenza la stazione appaltante ha escluso il raggruppamento dalla gara per il lotto n. 3. Esclusione alla quale il ricorrente si è opposto formulando una specifica censura di illegittimità dovendo, a suo dire, la stazione appaltante avviare il soccorso istruttorio integrativo e non procedere con una diretta estromissione. La decisione In primo luogo, in sentenza, il tribunale ha chiarito che secondo la giurisprudenza prevalente, nel caso in cui la lex specialis di una gara preveda la possibilità di aggiudicare autonomamente i singoli lotti, «non si è in presenza di una gara unitaria, ma di una gara plurima, poiché in questo caso le singole procedure di aggiudicazione sono dirette a tanti contratti di appalto quanti sono i lotti». Si è in presenza, quindi, di un bando di gara a oggetto plurimo che si sostanzia nell' indizione e realizzazione di tante gare contestuali quanti sono i lotti cui sono connessi i contratti da aggiudicare. Pertanto, «gli atti di gara relativi al contenuto dei contratti da aggiudicare devono essere necessariamente differenziati per ciascun lotto e devono essere tanti quanti sono i contratti da aggiudicare (Cons. St., Sez. V, sentenza 12 gennaio 2017 n. 52; Cons. Stato, Sez. V, 26 giugno 2015 n. 3241) ». Chiarito ciò, il giudice ha affrontato i rapporti rispetto alla eventuale applicazione del soccorso istruttorio integrativo nel caso manchi totalmente la documentazione amministrativa da allegare per poter partecipare al procedimento di affidamento. La carenza totale della documentazione integra, a ben vedere, una «irregolarità essenziale non sanabile mediante il ricorso al soccorso istruttorio» posto che le carenze della documentazione prodotta non consentono l' individuazione del contenuto e del soggetto responsabile. In questa situazione (ovvero di radicale assenza di una busta amministrativa riferibile alla partecipazione del raggruppamento temporaneo di imprese) il soccorso istruttorio non poteva essere attivato dalla stazione appaltante, infatti, «non si trattava di sanare irregolarità o mancanze riguardanti singoli elementi della domanda, bensì di ovviare alla totale carenza della documentazione amministrativa richiesta per la partecipazione alla gara da parte di un soggetto plurimo». Diversamente, conclude il giudice, si consentirebbe al concorrente che non ha presentato la domanda di partecipazione nei termini decadenziali prescritti dal bando, di presentare una nuova domanda di partecipazione, in violazione della par condicio, con conseguente alterazione delle «condizioni in cui versano i concorrenti al momento della scadenza del termine per la partecipazione alla gara».

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 05/12/2018 - autore STEFANO USAI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy