Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Il codice degli appalti innesta la retromarcia

Il codice degli appalti innesta la retromarcia
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
30
NOV 18

Abrogare la soft law (ripristinando il regolamento di attuazione del codice), l' avvalimento, il rito «super speciale» per la definizione dei ricorsi, e modificare la disciplina sui criteri di aggiudicazione.

Sono questi i punti largamente condivisi da dipendenti pubblici e soggetti privati che hanno partecipato alla consultazione pubblica avviata l' estate scorsa dal Ministero delle infrastrutture in merito alle possibili linee di riforma del codice dei contratti pubblici. La consultazione era finalizzata ad individuare modifiche in grado di assicurare l' efficienza del sistema in un' ottica di semplificazione del quadro normativo, assicurandone la chiarezza ed eliminandone le criticità anche sul piano applicativo.
La consultazione ha coinvolto amministrazioni, associazioni di categoria, privati, liberi professionisti, è stato quello di ascoltare la pluralità di voci degli stakeholders ai fini di una meditata riforma dello stesso Codice. Durante il mese di consultazione - ha reso noto il Ministero - sono stati inseriti 1908 contributi, con una media di 58 contributi al giorno, calcolata sull' intero periodo. La maggior parte di coloro che hanno partecipato (il 56,76%) sono dipendenti di aziende private e imprenditori individuali. Ma di rilievo è stata anche la partecipazione delle amministrazioni, soprattutto responsabili del procedimento e tecnici di enti locali, che con il 30,08% di contributi, hanno mostrato interesse per alcuni temi, tra cui vale la pena di segnalare il contenuto dell' art. 113 sugli incentivi per le funzioni tecniche, di cui è stato chiesto il ripristino per le attività di progettazione.
In particolare i temi predefiniti che hanno destato il maggior interesse tra chi ha partecipato alla consultazione, con richieste di modifica, sono stati: il subappalto (molto gettonata la richiesta di eliminazione della terna dei subappaltatori), i criteri di aggiudicazione, la disciplina dell' anomalia, i dati oggetto di pubblicazione e i termini di decorrenza anche ai fini dell' impugnativa, la nomina e i requisiti del Rup e i motivi di esclusione. Sono inoltre arrivate diverse richieste di superamento degli istituti della soft law, con una sostanziale richiesta di superamento dell' esperienza che avrebbe determinato incertezza e instabilità del quadro normativo, del cosiddetto rito super speciale, ritenuto inidoneo sul piano processuale a raggiungere l' obiettivo di deflazionare il contenzioso, e dell' avvalimento, per evitare che imprese non adeguatamente qualificate partecipino alle gare.
Richieste di modifica sono giunte, tra le altre cose, anche in merito all' elenco delle stazioni appaltanti qualificate; all' appalto integrato; al rating d' impresa, e ai costi della manodopera. Il Ministero ha precisato che «l' ascolto delle istanze pervenute in sede di consultazione è non un punto d' arrivo, ma un punto di partenza, per un efficace intervento riformatore del Codice dei contratti pubblici». Intanto prende sempre più corpo la voce che alla Presidenza del Consiglio sia già pronta una bozza di decreto-legge con alcune prime modifiche al codice.

 

A cura di Italia Oggi del 30/11/2018 pag. 30 - autore ANDREA MASCOLINI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2015
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2017
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy