Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


No all'accesso generalizzato dell'appaltatore che cerca informazioni per la nuova gara

No all'accesso generalizzato dell'appaltatore che cerca informazioni per la nuova gara
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
14
NOV 18

L' accesso civico generalizzato, inteso come prerogativa per esercitare un controllo sociale sull' attività amministrativa della pubblica amministrazione e sulle modalità di spendita delle risorse pubbliche non può essere invece utilizzato per «acquisire informazioni utili con riguardo all' esecuzione del precedente appalto» finalizzate alla partecipazione al nuovo appalto. In questo senso si è espresso il Tar Marche, Ancona, sezione I, con la sentenza n. 677/2018.

La questione Il giudice marchigiano, come già avvenuto con la sentenza del Tar Emilia Romagna, Parma, n. 197/2018, esclude che l' accesso civico generalizzato, ovvero l' accesso ai dati/documenti comunque detenuti dalla pubblica amministrazione relativa alla propria attività, possa esercitarsi anche nei confronti degli atti dell' appalto, ivi compresi mandati di pagamento e provvedimenti relativi all' esecuzione del contratto. La sentenza aderisce all' orientamento restrittivo del giudice emiliano evidenziando che la disciplina specifica del procedimento di accesso agli atti della gara costituisce uno dei casi di esclusione dall' accesso civico generalizzato in base all' articolo 5-bis, comma 3, del decreto legislativo 33/2013. Per il comma citato, infatti, tra gli altri la fattispecie dell' accesso generalizzato è esclusa nei casi in cui l' accesso risulti «subordinato dalla disciplina vigente al rispetto di specifiche condizioni, modalità o limiti». E l' articolo 53 del codice dei contratti deve essere considerata, appunto, disciplina specifica.

Le motivazioni dell' accesso civico generalizzato Oltre alla conferma di quanto già evidenziato dal giudice emiliano, il giudice marchigiano però puntualizza importanti considerazioni sulla motivazione che comunque deve sorreggere l' istanza di accesso civico generalizzato. Pur non essendo tenuto, il ricorrente nell' istanza ha precisato che la richiesta di accesso agli atti era da intendersi come finalizzata al reperimento di informazioni utili per la partecipazione ad una nuova gara bandita dalla stessa stazione appaltante. La legittimazione, secondo il ricorrente, doveva ritenersi fondata dal «fatto di essere un operatore del settore, invitato fra l' altro alla nuova gara indetta dallo stesso» Comune. È proprio questa motivazione che secondo quanto si legge in sentenza non può essere accettata in quanto diretta a "distorcere" le finalità dell' accesso civico generalizzato.
Il giudice, infatti, ha rilevato che l' istanza del ricorrente è stata proposta «in stretta correlazione con la nuova gara indetta dal Comune ()» risultando «finalizzata, non ad un controllo sul perseguimento di funzioni istituzionali o sull' utilizzo di risorse pubbliche» che costituisce l' autentica finalità di controllo sociale dell' accesso civico generalizzato. In concreto, si è cercato di azionare la fattispecie per «acquisire informazioni utili con riguardo all' esecuzione del precedente appalto (per esempio, al fine di verificare se la ditta controinteressata - che quasi certamente parteciperà alla nuova selezione - abbia commesso errori professionali gravi, tali da determinarne l' esclusione dalla nuova procedura)». La richiesta, evidentemente, viene respinta e ricondotta all' ambito naturale della legge 241/90 la cui legittimazione - in questo caso imprescindibile - e fondamento devono essere attentamente valutate dal Rup dell' appalto.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 14/11/2018 - autore STEFANO USAI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy