Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Riforma del Codice Appalti nel 2019? Ecco gli scenari possibili

Riforma del Codice Appalti nel 2019? Ecco gli scenari possibili
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
08
NOV 18

Da una prima lettura del Disegno di Legge di Bilancio emergono indicazioni per una nuova Riforma del Codice Appalti nel 2019. Ecco di cosa si tratta.

A quanto si legge nel Disegno di Legge di Bilancio per l’anno 2019 emerge una novità estremamente significativa, prevista all’articolo 16 comma 4.
Citando testualmente:
Art.16, Comma 4
La disposizione sostituisce il comma 5 dell’articolo 37 del Codice dei contratti pubblici.
In particolare, in tema di aggregazioni e centralizzazione delle committenze, stabilisce che in attesa della qualificazione delle stazioni appaltanti, l’ambito territoriale di riferimento delle centrali di committenza coincide con il territorio provinciale o metropolitano e i Comuni non capoluogo di provincia ricorrono alla stazione unica appaltante costituita presso le province e le città metropolitane per gli appalti di lavori pubblici.
Questo vuol dire che in pratica viene instaurato un periodo transitorio con cui le province e le città metropolitane diventano centrali di committenza dei lavori pubblici di tutti i comuni afferenti alla provincia stessa o alla città metropolitana (in questo caso con esclusione dei comuni capoluogo di provincia).
Iter più lungo?
La riforma del codice appalti, non passerà attraverso un decreto legge, come si era ipotizzato, ma mediante un disegno di legge delega che prevede quindi un iter molto lungo. A confermare il rallentamento della riforma anche l’avvio, da parte della commissione Lavori pubblici del Senato di una indagine conoscitiva sul codice appalti.
Investitalia
La manovra istituisce anche un’altra struttura, chiamata Investitalia, che supporterà direttamente la presidenza del Consiglio nella definizione delle strategie sugli investimenti pubblici. I compiti precisi:

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy