Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Il fattore-tempo non salva dall'interdittiva

Il fattore-tempo non salva dall'interdittiva
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
12
OTT 18

L' elemento temporale non incide sulle valutazioni che il prefetto compie quando adotta un provvedimento interdittivo, per escludere un' impresa considerata a rischio infiltrazione mafiosa dagli appalti pubblici.

Quindi, anche un fatto molto vecchio può essere contestato a un' impresa, in presenza di un reato, come l' usura, considerato la «spia» di rapporti economici a rischio. È questo il cuore di una decisione appena pubblicata dal Consiglio di Stato (sentenza n. 5784/2018 ) che analizza il delicato tema dell' interdittiva prefettizia antimafia. Si tratta - spiegano gli stessi giudici - di una misura preventiva «volta ad impedire i rapporti contrattuali con la Pa di società, formalmente estranee ma, direttamente o indirettamente, comunque collegate con la criminalità organizzata».
In sostanza, l' obiettivo è impedire che un imprenditore «coinvolto, colluso o condizionato» possa essere titolare di rapporti contrattuali con la Pa. Uno dei punti più rilevanti del ricorso arrivato fino a PalazzoSpada riguardava il margine che il prefetto ha nel valutare gli elementi a sua disposizione. Al centro della sua decisione, cioè, dovrebbe esserci - secondo i ricorrenti - l' elemento dell' attualità, non potendo assumere rilevanza un fatto che, nel caso specifico, risaliva a oltre dieci anni prima. Il Consiglio di Stato smonta questo teorema.
E spiega che, «per quanto riguarda la considerazione dell' attualità degli elementi», l' interdittiva antimafia «può legittimamente fondarsi anche su fatti risalenti nel tempo, purché dall' analisi del complesso delle vicende esaminate emerga, comunque, un quadro indiziario idoneo a giustificare il necessario giudizio di attualità e di concretezza del pericolo di infiltrazione mafiosa nella gestione dell' attività di impresa». L' elemento centrale non è il tempo, ma la presenza di un fatto dal quale si possa desumere un tentativo di infiltrazione mafiosa.
A questa conclusione si può arrivare anche partendo da una sentenza penale che, «ancorché intervenuta tempo prima ed ancora oggetto d' impugnazione, ha condannato l' interessato per il delitto di usura». Più che l' attualità del fatto, secondo la decisione, pesa la condanna («quale che sia il tempo in cui è intervenuta») per uno dei delitti cosiddetti «spia», come alcune forme di estorsione o alcuni reati contro la libertà negli incanti.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 12/10/2018 - autore GIUSEPPE LATOUR


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy