Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Rating di legalità, via libera in caso di condanna non definitiva

Rating di legalità, via libera in caso di condanna non definitiva
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
01
OTT 18

È illegittimo il diniego di rilascio del rating di legalità sulla base della riscontrata sussistenza di un decreto penale di condanna emesso nei confronti del legale rappresentante della società e non formalmente revocato, pur in costanza di giudizio di opposizione pendente.

Lo ha chiarito la Sezione Prima del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio con la sentenza n. 9417 del 17 settembre 2018 con la quale ha accolto il ricorso presentato per l'annullamento di un provvedimento di diniego di rinnovo di rating di legalità, ai sensi dell'art. 6 comma 3 del Regolamento adottato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con delibera n. 27165 del 15 maggio 2018.
I giudici del TAR, trattando il ricorso in forma semplificata, hanno considerato che il decreto penale di condanna emesso nei confronti del legale rappresentante della società ricorrente e non formalmente revocato, era stato contestato ed in attesa di un successivo grado di giudizio che ne congelerebbe gli effetti.
In giudizio, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), il Ministero dell'Interno e il Ministero della Giustizia hanno contestato il ricorso, rilevando che la sussistenza di un decreto penale di condanna sia ostativo al rilascio del “rating”, in virtù della sua “natura premiale”.
Il TAR, pur rilevando che l’art. 2, comma 2, lett. b), del Regolamento attuativo in materia di rating di legalità (delibera AGCM n. 27165/2018) prevede come presupposto ostativo al rilascio/rinnovo del “rating” che l'impresa dichiari l'emissione di un decreto penale di condanna per determinati reati, è altrettanto incontestabile che la giurisprudenza maggioritaria e autorevole della Corte di Cassazione, in argomento, ha precisato che la revoca del decreto penale di condanna, ex art. 464, comma 3, c.p.p., è un “antecedente immancabile del giudizio di opposizione che si verifica per il solo fatto della sua celebrazione, ope legis e non ope iudicis”.
Ciò significa che nel caso in cui il giudizio di opposizione sia pendente in fase istruttoria con escussione di testimoni, con conseguente ritualità e ammissibilità della sua proposizione, vengono ripristinate le condizioni per il rilascio/rinnovo del rating di legalità.
Per questo motivo il TAR ha accolto la richiesta di annullamento del provvedimento di diniego di rinnovo del rating.

 

A cura di Redazione LavoriPubblici.it del 01/10/2018


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2015
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2017
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy