Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Appalti, risoluzione per inadempimento della Pa anche senza l' iscrizione delle riserve

Appalti, risoluzione per inadempimento della Pa anche senza l' iscrizione delle riserve
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
06
SET 18

Per la Corte di cassazione la domanda giudiziale di risoluzione del contratto di appalto pubblico per inadempimento della Pa non è impedita dalla mancata iscrizione delle riserve.

Cioè la richiesta da parte dell'appaltatore di risoluzione del contratto per inadempimento dell'amministrazione, in questo caso un Comune, non è condizionata dall'avvenuto adempimento formale dell'iscrizione in bilancio delle riserve espresse dalla parte privata su fatti che comportano maggiori oneri di spesa o minori entrate. Infatti, come dice la Cassazione con la sentenza n. 21656 depositata ieri, la riserva attenendo a una pretesa economica (maggiori spese o minori introiti per l'appalto) di sicura matrice contrattuale presuppone l'esistenza di un contratto valido. Quindi se si si contesta l’esistenza stessa di un contratto valido - come nel caso della risoluzione - le pretese contro l'inadempimento della stazione appaltante non sono condizionate dall'istituto delle riserve.
Per questo il Comune in caso di domanda di risoluzione del contratto da parte dell'appaltatore non può opporre la mancata iscrizione delle riserve che nulla hanno a che vedere con la fase rescissoria del rapporto. Tant'è vero che, comunque, anche nel caso in cui vi sia stato l'assolvimento di tale onere, di iscrizione in bilancio delle riserve, questa circostanza non esime dal fornire la prova della domanda giudiziale. 
Nel caso specifico oggetto dell’appalto pubblico erano i lavori per realizzare una fognatura nel territorio comunale che però erano stati sospesi dal Comune committente più volte, fino al totale blocco dei lavori per la presenza di cavi Enel nel suolo. 
Oltre alla risoluzione per inadempimento l'impresa aveva chiesto e ottenuto anche il risarcimento danni per mancato guadagno e per i costi sostenuti.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 05/09/2018


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy