Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Illeciti antitrust come cause di esclusione dalle gare, rinvio in CGE

Illeciti antitrust come cause di esclusione dalle gare, rinvio in CGE
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
02
LUG 18

Il Tar Piemonte rinvia al CGE la questione dell’inquadramento degli illeciti anticoncorrenziali come gravi errori professionali

Il Tar Piemonte rinvia alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione dell’esclusione di un operatore economico per un precedente illecito antitrust, che nel precedente codice appalti era stato inquadrato come “grave errore professionale”.
Secondo il Tar Piemonte, Sez. I, Ord. 21 giugno 2018, n. 770 (LINK) la situazione in vigenza del codice appalti del 2006, dove si sanciva l’impossibilità, per le amministrazioni, di escludere un operatore sanzionato dall’antitrust, è in contrasto con il diritto europeo.
L’ordinanza trae origine dal ricorso di un operatore, che veniva escluso a causa di una precedente condotta restrittiva della concorrenza, sanzionata dal Antitrust. Tale condotta veniva intesa come errore professionale grave casi sensi dell’art. 38 comma 1 lett. f del D.lgs. 163/2006.
La premessa dei giudici torinesi è che nell’ordinamento italiano, nelle gare d’appalto disciplinate dal Decreto Legislativo n. 163/2006 la commissione di illeciti anticoncorrenziale non assume alcuna rilevanza perché non può mai essere causa di esclusione da una gara d’appalto, sia pure a seguito di valutazione discrezionale della amministrazione aggiudicatrice. Così infatti si è pronunciata il Consiglio di Stato in ripetute occasioni.
Tuttavia, ad avviso del Tar, tale “non esclusione” in caso di provvedimenti anticoncorrenziali è in contrasto con le direttive europee, che invece, a partire dalle previgenti 92/50/CEE e 2004/18/CE, sembrerebbero non riconoscere agli Stati membri il potere di non attribuire rilevanza giuridica a tutte o a talune di tali cause di esclusione ovvero di ridimensionare la portata applicativa di ciascuna di esse, in particolare con riferimento a condotte anticoncorrenziali
Secondo l’Ordinanza il legislatore italiano non avrebbe potuto escludere, dalla sfera di applicazione dell’ “errore grave” di cui all’art. 45 comma 2 lett. d) della Direttiva 2004/18/UE, la commissione di illeciti anticoncorrenziali. Ciò, in particolare, se è corretta l’affermazione secondo cui l’art. 57 della Direttiva 2014/24/UE non consente agli Stati membri di privare le amministrazioni aggiudicatrici del potere di applicare le cause di esclusione “facoltative” indicate all’art. 57 comma 4, tra le quali v’è anche la violazione delle norme sulla concorrenza, e se la Direttiva 2014/24/UE è espressione di principi già immanenti anche nel passato diritto della Unione europea.

La questione del Tar Piemonte alla Corte di Giustizia

Alla luce del ragionamento sintetizzato sopra, il Tar Piemonte ha rimesso la seguente questione alla CGE:
“Deve essere rimessa alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea la questione se il combinato disposto da una parte degli artt. 53, paragrafo 3, e 54, paragrafo 4, della Direttiva 2004/17/CE, e dell’art. 45, paragrafo 2, lett. d), della Direttiva 2004/18/CE osti ad una previsione, come l’art. 38, comma 1, lett. f), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, come interpretato dalla giurisprudenza nazionale, che esclude dalla sfera di operatività del c.d. “errore grave” commesso da un operatore economico “nell’esercizio della propria attività professionale”, i comportamenti integranti violazione delle norme sulla concorrenza accertati e sanzionati dalla Autorità nazionale antitrust con provvedimento confermato in sede giurisdizionale, in tal modo precludendo a priori alle amministrazioni aggiudicatrici di valutare autonomamente siffatte violazioni ai fini della eventuale, ma non obbligatoria, esclusione di tale operatore economico da una gara indetta per l’affidamento di un appalto pubblico”

 

A cura di Giurdanella.it del 02/07/2018


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy