Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Valutazione dell'anomalia, è obbligatorio verificare le spese generali e le prestazioni gratuite

Valutazione dell'anomalia, è obbligatorio verificare le spese generali e le prestazioni gratuite
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
15
MAG 18

La stazione appaltante, nel condurre il procedimento di verifica dell' anomalia dell' offerta è tenuta a verificare anche la congruità delle "spese generali" e ad approfondire l' attendibilità delle proposte dell' appaltatore di svolgere servizi gratuiti.

In questo senso, il recentissimo parere espresso dall' ANAC con la deliberazione n. 341/2018 che "invita" le stazioni appaltanti ad approfondire le giustificazioni che appaiono eccessivamente "generiche". La vicenda Il secondo classificato in relazione ad un appalto per il "servizio di conduzione e manutenzione ordinaria e straordinaria dell' impianto di depurazione centralizzato delle acque reflue civili, ha sindacato - con richiesta di parere in sede di precontenzioso all' autorità anticorruzione - la valutazione di congruità espressa dalla stazione appaltante in relazione all' offerta dell' aggiudicatario priva di riferimenti specifici alle spese generali ed agli oneri relativi a prestazioni specifiche. In particolare, l' aggiudicatario si dichiarava disposto ad offrire gratuitamente la prestazione del responsabile tecnico per l' applicazione delle norme di sicurezza. Prestazione che sarebbe stata svolta direttamente dall' amministratore della società (piuttosto che da un responsabile tecnico specificatamente individuato) Inoltre, tale prestazione, secondo le giustificazioni rese in fase di procedimento di valutazione dell' anomalia, sono state considerate dall' aggiudicatario non come costo per la società - visto che venivano svolte direttamente dall' amministratore unico " in possesso di abilitazione alla professione e con comprovata esperienza nella gestione di impianti di depurazione - ma come un utile con conseguente detrazione dai costi complessivi dell' offerta. La commissione di gara, come evidenziato nei verbali del procedimento, non ha approfondito questo aspetto ritenendo soddisfatte le pretese della stazione appaltante. In particolare, sempre secondo la commissione di gara, la decisione di offrire gratuitamente una prestazione era da ritenersi riconducibile a "vicende e fatti interni alla società in relazione agli apporti ed ai conferimenti con riflessi sugli utili sui quali, la stazione appaltante non avrebbe potuto "interferire, in virtù del principio della libertà ed attività di impresa. Il parere L' ANAC, ribaditi i limiti di intervento dell' autorità esterna sulle valutazioni, comunque, discrezionali della stazione appaltante, che possono subire un sindacato solo se irragionevoli ed immotivate, rammenta altresì l' obbligo "di valutare la congruità dell' offerta economica, oltre che in relazione ai costi per il personale, per la sicurezza aziendale ed in relazione all' incidenza dell' utile di gestione, anche in relazione alle spese generali (Parere di precontenzioso n.139 del 20 giugno 2014; Parere di precontenzioso n. 230 del 16 dicembre 2015). Nel caso di specie, tale valutazione non è intervenuta e neppure si poteva desumere dalle giustificazioni risultando carente ogni computo sui costi generali. Altro aspetto del procedimento ritenuto non conforme da parte dell' autorità anticorruzione è la "rinuncia" della stazione appaltante a condurre verifiche doverose circa la proposta dell' appaltatore di svolgere una prestazione professionale (da parte dell' amministratore) gratuitamente. Circostanza, quest' ultima, che dovrebbe lasciare in realtà "margini di dubbio circa la possibilità di omettere completamente la corrispondente voce di costo e che avrebbe dovuto, invece, indurre la stazione appaltante "a chiedere ulteriori chiarimenti in relazione alla sussistenza di altri eventuali oneri connessi alla prestazione de qua (ad esempio oneri previdenziali e assicurativi), ciò al fine di valutare se in concreto l' offerta fosse attendibile ed affidabile nel suo complesso. Per ciò, il procedimento di valutazione condotto dalla stazione appaltante è apparso non conforme alle norme. 

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 11/05/2018


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it