Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Rup in trasparenza

Rup in trasparenza
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
13
APR 18

Per la nomina del responsabile unico del procedimento (Rup) nelle commissioni di gara l' amministrazione deve motivare l' insussistenza di ragioni ostative rispetto alle attività effettivamente e concretamente svolte dal Rup nell' ambito della specifica procedura di gara.

Lo afferma la sentenza del Tribunale amministrativo regionale della Calabria Catanzaro, sezione prima, del 4 aprile 2018 n. 815 in tema di coincidenza soggettiva tra Rup e membro (o presidente) della commissione. Nel caso specifico era stato eccepito in giudizio la legittimità della nomina del Rup e presidente della commissione di gara.
Per i giudici calabresi il comma 4 dell' art. 77 del codice dei contratti pubblici (decreto legislativo n. 50 del 2016) che disciplina tale possibilità, «escludendo ogni astratto e aprioristico automatismo in punto di incompatibilità», dà rilievo al fatto che occorre procedere, da parte dei competenti organi della stazione appaltante, a uno scrutinio «fattuale e in concreto» del livello di coinvolgimento del Rup nella regolamentazione e nello svolgimento delle operazioni della procedura di gara. Il collegio intende dire che la «valutazione» richiesta dalla norma alle stazioni appaltanti deve riguardare in particolare «le attività effettivamente e concretamente svolte dal Rup nell' ambito della specifica procedura di gara».
L' obiettivo sotteso a questa indagine è quello di «prevenire il pericolo concreto di possibili effetti distorsivi e di favoritismi prodotti dalla partecipazione alle commissioni giudicatrici di soggetti (progettisti, dipendenti che abbiano emanato atti del procedimento di gara e così via) che siano intervenuti a diverso titolo nella procedura concorsuale definendone i contenuti e le regole».
La disposizione del codice dei contratti pubblici che disciplina la materia deve essere quindi intesa nel senso di prescrivere la necessità, ogni qualvolta vi sia coincidenza soggettiva tra Rup e membro (o presidente) della commissione, di dare conto, (eventualmente) nel corpo della relativa determinazione amministrativa di nomina, quantomeno, della insussistenza di ragioni ostative in ordine a siffatta sovrapposizione di funzioni.

 

A cura di Italia Oggi del 13/04/2018 pag. 44


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy