Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Procedura negoziata ok ma previa verifica

Procedura negoziata ok ma previa verifica
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
13
APR 18

È ammesso l' affidamento con procedura negoziata per l' acquisito di dispositivi medicali ma solo a valle di accurate verifiche sui fabbisogni e sulle caratteristiche dei prodotti o servizi; massima trasparenza sulla scelta della non competizione da motivare rispetto all' impossibilità di utilizzare altri farmaci, in quanto non disponibili sul mercato.

Lo precisa il comunicato del presidente dell' Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, del 28 marzo 2018 con il quale vengono fornite indicazioni alle stazioni appaltanti sul tema dell' infungibilità negli acquisti in ambito sanitario.
L' intervento dell' Anac è motivato dalla necessità di dare risposta a diverse richieste di chiarimento in merito alla corretta applicazione delle linee guida n.8 emesse dall' Autorità con delibera n. 950 del 13 settembre del 2017. In particolare l' Authority anticorruzione segnala che lo scopo delle indicazioni risiede nella necessità di definire alcuni «paletti» per la concreta operatività delle stazioni appaltanti tenute ad applicare le linee guida nel rispetto dei principi di legalità e trasparenza. Nel merito l' Autorità aveva già specificato nelle linee guida n. 8 che «l' infungibilità può essere dovuta all' esistenza di privative industriali ovvero essere la conseguenza di scelte razionali del cliente o dei comportamenti del fornitore; l' effetto finale è comunque un restringimento della concorrenza, con condizioni di acquisto meno favorevoli per l' utente».
Nel comunicato dei giorni scorsi si aggiunge che l' infungibilità, che legittima l' adozione della procedura negoziata senza bando ex articolo 63 del Codice dei contratti pubblici si configura laddove, per ragioni tecniche, di privativa industriale o di altra natura, non siano rinvenibili, sul mercato attuale, prodotti in grado di realizzare la funzione specifica attesa. Occorre però che la stazione appaltante si assuma la responsabilità di tale valutazione in sede di pianificazione degli acquisiti (ex articolo 21 del codice appalti) con una attenta e congrua verifica del fabbisogno e delle coerenti modalità di acquisizione e controllando in primo luogo, se i dispositivi o i prodotti medicali, con potenzialità o caratteristiche equivalenti ai fini del trattamento, possano o meno essere acquisitati da più aziende farmaceutiche, attraverso quindi una procedura comparativa che renda possibile, e al contempo necessario, l' esperimento di gare pubbliche.
A tutela dei soggetti preposti all' effettuazione delle procedure di acquisto, l' Authority anticorruzione suggerisce che dichiarazioni acquisite dalle strutture proponenti, ovvero da quelle comunque coinvolte nel processo acquisitivo, evidenzino non solo l' indispensabilità di quel determinato farmaco, ma l' impossibilità, allo stato, di utilizzare altri farmaci, in quanto non disponibili sul mercato, non efficaci o non funzionali alle necessità terapeutiche. Necessaria comunque la massima trasparenza negli atti di programmazione e l' adeguata motivazione della scelta di non competizione (es. ricerche scientifiche, acquisti di altre amministrazioni, note ministeriali ecc.), non escludendo il ricorso alla preventiva consultazione del mercato in base all' articolo 66 del Codice dei contratti pubblici.

 

A cura di ItaliaOggi del 13/04/2018 pag. 44


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy