Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Offerta economicamente più vantaggiosa, la riparametrazione va sempre prevista nel bando

Offerta economicamente più vantaggiosa, la riparametrazione va sempre prevista nel bando
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
12
APR 18

Nella valutazione dell' offerta con il criterio dell' offerta economicamente più vantaggiosa, la facoltà per la stazione appaltante di procedere alla riparametrazione dei punteggi va sempre prevista nel bando di gara.

Diversamente, la Pa non ha alcun obbligo di applicarla. Il Consiglio di Stato - con la sentenza n. 1845/2018 , Sezione Quinta - affronta e risolve in modo definitivo la questione della cosiddetta doppia riparametrazione (volta a ristabilire l' equilibrio fra i diversi elementi qualitativi e quantitativi previsti dalla griglia di valutazione indicata nel bando), smentendo allo stesso tempo che dalle diverse pronunce di Palazzo Spada fossero emersi orientamenti discordanti. L' occasione per fare chiarezza sul punto è offerta da una sentenza del Tar Sardegna, impugnata in appello.
La controversia La controversia è sorta dopo l' aggiudiciazione di un appalto di lavori stradali mandato in gara dalla Provincia di Sassari con il criterio dell' offerta economicamente più vantaggiosa. Il raggruppamento di imprese risultato perdente ha sostenuto che, in base al disciplinare di gara, «la doppia (o tripla) riparametrazione riferita ai macro-criteri fosse ontologicamente insita nel prescelto "metodo aggregativo compensatore", quale condizione indispensabile per conservare la corretta proporzione tra i criteri di valutazione e i pesi rivestiti nell' individuazione dell' offerta economicamente più vantaggiosa».
Nel ricorso, il raggruppamento ha poi sostenuto che l' applicazione anche di una sola riparametrazione avrebbe consentito l' aggiudicazione della gara; e che tale riparametrazione fosse «imposta» dalla lex specialis di gara. I ricorrenti hanno poi sostenuto che esista un orientamento del Consiglio di Stato definito nel ricorso "prevalente" che considera la doppia riparametrazione insita nel metodo aggregativo compensatore. A sostegno di questa tesi citano la sentenza del Consiglio di Stato, Terza sezione, del 16 marzo 2016, n.1048. Di conseguenza, ci sarebbero altre pronunce con orientamento diverso, rendendo necessaria una rimessione all' Adunzanza Plenaria.
Il chiarimento di Palazzo Spada Nella pronuncia i giudici della Quinta sezione chiariscono la questione «senza che sia necessaria la rimessione all' Adunanza Plenaria, auspicata dalle appellanti». La questione di diritto, scrivono i giudici, «va risolta nel senso che per le gare da aggiudicare con il criterio dell' offerta più vantaggiosa nessuna norma di carattere generale impone alle stazioni appaltanti di attribuire alla migliore offerta tecnica in gara il punteggio massimo previsto dalla lex specialis mediante il criterio della c.d. doppia riparametrazione, la quale deve essere espressamente prevista dalla legge di gara». Nel caso in questione, nei documenti di gara non contengono «alcuna esplicita clausola» in questo senso.
I giudici ricordano anche che il principio è affermato anche dalle linee guida n.2 dell' Anac (Offerta economicamente più vantaggiosa) là dove si prevede la mera facoltà per la stazione appaltante di procedere alla riparametrazione dei punteggi, a condizione che la stessa sia prevista nel bando di gara. Infine, sulla questione, si esclude che in seno al Consiglio di Stato ci siano orientamenti difformi. Tanto per cominciare, la sentenza citata dai ricorrenti (n.1048/2018) riguardava un caso «in cui la doppia parametrazione era prevista nella legge di gara». L' orientamento, dunque è uno solo, ed è affermato - tra l' altro - da varie pronunce (V, 27 gennaio 2016 n. 266 e id; , 30 gennaio 2017 n. 373; V 12 giugno 2017, n. 2811 e n. 2852; III, 20 luglio 2017, n. 3580) .

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 11/04/2018 - autore MASSIMO FRONTERA


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it