Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Appalti, niente suddivisione in lotti se la decisione è motivata

Appalti, niente suddivisione in lotti se la decisione è motivata
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
10
APR 18

Solo con una adeguata motivazione è derogabile il principio della suddivisione in lotti di un appalto. Il Consiglio di Stato, con la decisione n. 2044/2018 , sottolinea che tale scelta discrezionale deve essere ragionevole, giustificata dalla proporzionalità e da una congrua istruttoria. Essa non è suscettibile di essere censurata in base a criteri di mera opportunità, tanto più nel caso in cui l' unitarietà sia imposta dall' oggetto dell' appalto.

Vicenda La fattispecie riguardava una procedura aperta per l' affidamento dei servizi di gestione e controllo di tutte le attività di funzionamento delle aree di sosta automatizzata e impianti di risalita meccanizzata e altri servizi accessori da svolgersi all' interno delle aree, dei parcheggi e degli immobili del Comune di Orvieto. Secondo i giudici la disciplina di gara restringeva la concorrenza in danno alle micro-piccole e medie imprese, poiché il valore economico dell' appalto era oggettivamente modesto.
Suddivisione in lotti L' articolo 51 del Dlgs 50/2016 prevede che, nel rispetto della disciplina comunitaria in materia di appalti pubblici, sia nei settori ordinari che nei settori speciali, al fine di favorire l' accesso delle microimprese, piccole e medie imprese, le stazioni appaltanti suddividono gli appalti in lotti funzionali ovvero in lotti prestazionali, in conformità alle categorie o specializzazioni nel settore dei lavori, servizi e forniture. Le stazioni appaltanti devono motivare la mancata ripartizione in lotti nel bando di gara o nella lettera di invito e nella relazione unica di cui agli articoli 99 e 139 del Dlgs 50/2016. In linea con l' articolo 2, comma 1 bis, del Dlgs 163/2006 il Legislatore ha quindi privilegiato la suddivisione in lotti per allargare la concorrenza, valorizzando al contempo l' interesse pubblico alla scelta del miglior contraente, per garantire l' uso ottimale delle risorse finanziarie della collettività.
Con il nuovo Codice il principio non è inderogabile, ma serve un' adeguata motivazione al fine di non incorrere nel vizio di manifesta illogicità, irragionevolezza o arbitrarietà. Unitarietà dell' appalto Nel caso, oggetto della sentenza n. 2044/2018, era stato adottato un lotto unico perché la commessa pubblica era unitaria: sia il servizio di gestione e controllo, sia il servizio complementare di pulizia riguardavano le medesime aree di parcheggio e gli stessi impianti di risalita. Inoltre i servizi dovevano assicurare il corretto funzionamento e la migliore fruibilità del sistema integrato composto da parcheggi e impianti di mobilità alternativa. Contavano quindi l' unitarietà imposta dall' oggetto dell' appalto e dalle modalità esecutive derivanti dalla situazione materiale e giuridica dei luoghi.
Oltre a ciò le prestazioni oggetto dei predetti servizi non richiedevano specializzazioni, né qualifiche particolari che imponessero, giustificassero o rendessero anche solo opportuna una suddivisione in lotti. Giurisprudenza La decisione di non ricorrere ai lotti, a fronte della esigenza di coprire due servizi tra loro distinti (servizio di vigilanza attiva e passiva e i complementari servizi di telesorveglianza e televigilanza), è stata giudicata illogica e restrittiva della concorrenza. Poiché la gestione in forma sinergica e coordinata dei due servizi non esclude che essi possano essere svolti da soggetti diversi, ma coordinati tra loro (sentenza Tar Roma n. 4293/2017).
In base alla sentenza del Tar Roma n. 1345/2017 è manifestamente illogico anche considerare ambiti territoriali ottimali lotti per l' affidamento dei quali possono concorrere individualmente soltanto poche imprese di grandi dimensioni. Risulta infatti violato il principio del favor partecipationis e non sono assicurati risparmi di spesa potenzialmente derivanti da una più ampia gamma di offerte relative ai singoli lotti. Secondo il Tar Firenze (sentenza n. 1755/2016) tra gli interessi che possono essere valorizzati dalle stazioni appaltanti per non creare lotti vi è anche quello dei costi cui la suddivisione in lotti può condurre e il Tar Napoli nella sentenza n. 2607/2017, per i servizi di assistenza domiciliare, considera valide esigenze di tipo economico/organizzativo.
II Consiglio di Stato (decisione n. 5224/2017) richiama anche valutazioni di carattere tecnico-economico: l' esercizio del potere discrezionale dell' Amministrazione deve essere funzionalmente coerente con il bilanciato complesso degli interessi pubblici e privati coinvolti dal procedimento di appalto e resta delimitato anche dai principi di proporzionalità e di ragionevolezza.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 10/04/2018 - autore MARIA LUISA BECCARIA


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy