Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Responsabile unico, anche per l'Anac la decisione sulle incompatibilità spetta alla stazione appaltante

Responsabile unico, anche per l'Anac la decisione sulle incompatibilità spetta alla stazione appaltante
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
04
APR 18

La questione della presidenza della commissione di gara da parte del responsabile unico del procedimento, non riesce a trovare - nel nostro ordinamento - un definitivo e univoco inquadramento.

Ora, secondo il parere espresso dall' Anac con la deliberazione n. 193/2018 , è compito della stazione appaltante valutare se il Rup si trovi o meno in situazioni di incompatibilità non potendolo qualificare automaticamente come incompatibile. La vicenda Nell' istanza di precontenzioso, un appaltatore aveva censurato - ritenendo gli atti illegittimi - la composizione della commissione di gara in ragione del fatto che il Rup «svolgeva le funzioni di Presidente in violazione dell' articolo 77, comma 4, del d.lgs. n. 50/2016». La stazione appaltante (una centrale di committenza) ha replicato che la posizione del responsabile unico del procedimento quale presidente dell' organo collegiale non crea in automatico nessuna incompatibilità considerato che «tra le funzioni di Rup e quelle di componente di commissione, () la prima non attiene a compiti di controllo ma soltanto a compiti di verifica interna della correttezza del procedimento». Il parere Una importante novità emerge dal parere dell' Anac considerato che, ora, l' autorità anticorruzione introduce una nuova considerazione rispetto al problema dell' incompatibilità. Come noto, fin dalle linee guida n. 3/2016 , la posizione dell' Anac risultava abbastanza radicale nel ritenere il responsabile unico assolutamente incompatibile e «vietando» la possibilità per lo stesso di assumere il ruolo di presidente della commissione di gara (come anche nelle recenti modifiche delle linee guida). Questo rigore è venuto stemperandosi in seguito alle prese di posizione del Consiglio di Stato (con il parere n. 1903/2016 ) e, soprattutto, con le modifiche introdotte dal decreto legislativo correttivo n. 56/2017 che - modificando il comma 4 dell' articolo 77 del codice dei contratti - ammette la possibilità che il responsabile unico possa far parte della commissione di gara secondo le determinazioni autonome della stazione appaltante. La nuova disposizione non può trovare applicazione al caso in esame e la vicenda dell' incompatibilità può essere decisa solo in base a una attenta analisi della stazione appaltante. La novità della posizione, pertanto, è che la soluzione proposta si pone come posizione intermedia nel senso che l' Anac ammette che l' incompatibilità non è automatica ma, d' altra parte, non può neppure escludersi. Quindi, la stazione appaltante è chiamata a fare una valutazione in concreto sulla reale capacità del Rup di condizionare l' esito della gara. Quale elemento istruttorio, in ausilio a questa valutazione, l' Anac però puntualizza il fatto che, nel caso di specie, il Rup «ha indetto la procedura di gara, ha approvato la documentazione ed ha adottato la determinazione di nomina della commissione, assumendone la presidenza». Fornendo, quindi, preziose indicazioni circa il ruolo «decisorio» avuto dal responsabile unico del procedimento nella procedura contrattuale. Ruolo decisorio che, secondo la giurisprudenza - ma anche secondo la stessa Anac - dovrebbe determinare l' incompatibilità di funzioni del Rup anche presidente della commissione di gara ( Tar Emilia Romagna - Bologna, sezione II, sentenza n. 675/2015 ). Il parere, pertanto, si conclude senza una presa di posizione netta ritenendo l' Anac che «spetti alla stazione appaltante valutare la sussistenza di un' incompatibilità in concreto a carico del RUP relativamente allo svolgimento della funzione di Presidente della commissione di gara, verificando la capacità di incidere sul processo formativo della volontà tesa alla valutazione delle offerte, potendone condizionare l' esito».

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 03/04/2018 - autore STEFANO USAI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy