Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Legittima l'offerta che riporta un utile complessivo modesto (ma non pari a zero)

Legittima l'offerta che riporta un utile complessivo modesto (ma non pari a zero)
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
15
MAR 18

Nei contratti d' appalto anche un utile apparentemente modesto può comportare un vantaggio significativo per il concorrente, sia per la prosecuzione in sé dell' attività lavorativa, sia per la qualificazione, per la pubblicità e per il curriculum derivanti per l' impresa dall' essere aggiudicataria e aver portato a termine un contratto pubblico. Questo è il principio affermato dal Consiglio di Stato con la pronuncia n. 1278/2018.

Il caso La Stazione unica appaltante della regione Calabria aggiudica in via definitiva l' appalto per il servizio di pulizia dell' Ospedale civile di Crotone. L' impresa seconda graduata impugna l' aggiudicazione censurando, in particolare, le valutazioni compiute dalla stazione appaltante in sede di verifica dell' anomalia dell' offerta. Con la decisione in rassegna il Consiglio di Stato dichiara infondato il ricorso. La società ricorrente censurava che l' omessa indicazione dell' utile - elemento da ritenersi necessario in quanto connaturale allo svolgimento di un' attività economica - avrebbe dimostrato l' inattendibilità del giudizio di congruità dell' offerta reso dalla stazione appaltante anche facendo applicazione della prova di resistenza: l' utile pari a zero o l' offerta in perdita, infatti, renderebbero ex sé inattendibile l' offerta e, nel caso di specie, l' utile non sarebbe stato desumibile nemmeno scomputando i costi evidenziati dal quantum complessivamente ricavabile in termini di corrispettivo.
La decisione Per il Consiglio di Stato, al contrario, sulla base dei principi costantemente affermati dalla giurisprudenza amministrativa, la valutazione di congruità dell' offerta anomala consiste in un procedimento il cui esito è rimesso alla discrezionalità tecnica della stazione appaltante: la valutazione deve essere globale e sintetica, senza concentrarsi esclusivamente ed in modo parcellizzato sulle singole voci, poiché l' obiettivo dell' indagine è l' accertamento dell' affidabilità dell' offerta nel suo complesso e non già delle singole voci che la compongono (vengono richiamate, sul punto, le pronunce rese dall' Adunanza plenaria n. 36/2012, nonché da Consiglio di Stato n. 3314/2013, n. 7262/2010, n. 1414/2010, n. 1633/2013 e n. 710/2012).
Ciò che interessa ai fini dello svolgimento del giudizio sulla valutazione dell' anomalia è costituito dall' accertamento della serietà dell' offerta desumibile dalle giustificazioni fornite dalla concorrente e la valutazione sulla congruità reso dalla stazione appaltante, valutazione che, in quanto espressione di discrezionalità tecnica, è sindacabile solo in caso di macroscopica illogicità o irragionevolezza, erroneità fattuale o difetto di istruttoria che rendano palese l' inattendibilità complessiva dell' offerta.
Il Giudice amministrativo, infatti, non può operare autonomamente una verifica delle singole voci dell' offerta, sovrapponendo così la sua idea tecnica al giudizio - che non sia erroneo né illogico - formulato dall' organo amministrativo al quale la legge attribuisce la tutela dell' interesse pubblico nell' apprezzamento del caso concreto poiché, così facendo, il Giudice invaderebbe una sfera propria della Pa. Il Consiglio di Stato aggiunge che, al di fuori dei casi in cui il margine positivo risulti pari a zero, non è possibile stabilire una soglia minima di utile al di sotto della quale l' offerta deve essere considerata anomala, poiché anche un utile apparentemente modesto può comportare un vantaggio significativo, sia per la prosecuzione in sé dell' attività lavorativa, sia per la qualificazione, per la pubblicità e per il curriculum derivanti per l' impresa dall' essere aggiudicataria e aver portato a termine un appalto pubblico.
Nel caso di specie, l' impresa ricorrente aveva evidenziato la mancanza, nell' offerta dell' aggiudicatario, di alcune voci di costo, sottolineando la sostanziale mancanza di utile, a dimostrazione dell' incongruità dell' offerta: per il Consiglio di Stato, al contrario, l' offerta economica era stata presentata fornendo tutti gli elementi indispensabili di cui al disciplinare di gara e, in sede di giustificazioni, l' aggiudicataria aveva precisato - a margine della tabella riassuntiva dei costi del personale - un differenziale di costo, rispetto al valore prudenziale indicato in offerta, con la conseguente configurabilità di un oggettivo, seppur modesto, margine operativo.
Conclusioni Ne consegue che le doglianze svolte in merito alla carenza o l' incongruità di talune voci di costo non potevano incidere sulla correttezza del giudizio di congruità reso dall' Amministrazione, tenuto conto che la valutazione era stata formulata in maniera complessiva.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 15/03/2018 - autore ILENIA FILIPPETTI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy