Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Quattro livelli di rating sulle stazioni appaltanti

Quattro livelli di rating sulle stazioni appaltanti
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
19
FEB 18

Le stazioni appaltanti devono ridefinire la propria organizzazione per la gestione degli appalti e formare il personale per la qualificazione e per poter operare autonomamente nelle acquisizioni di lavori superiori a 150mila euro, e di beni e servizi sopra i 40mila euro.

La Conferenza unificata tratterà nei prossimi giorni lo schema di Dpcm che attua l' articolo 38 del Codice appalti, in base al quale le amministrazioni aggiudicatrici dovranno dimostrare il possesso di requisiti organizzativi e funzionali per poter affidare appalti e concessioni superiori alle soglie di valore individuate dall' articolo 37, comma 1 dello stesso Dlgs 50/2016 per assicurare l' operatività minima. La qualificazione sarà attestata dall' Anac e dimostrerà la capacità degli enti di gestire in modo professionale programmazione e progettazione, affidamento ed esecuzione secondo una differenziazione su quattro livelli (base, medio, alto e superiore). Le amministrazioni devono anzitutto dedicare alle attività di gestione degli appalti e delle concessioni una struttura organizzativa stabile, con organico adeguato. In relazione al livello base le stazioni appaltanti devono disporre per l' affidamento di lavori (fino a un milione di euro) di un amministrativo e di due tecnici abilitati alla professione, mentre per acquisire beni e servizi (fino alle soglie comunitarie) devono impiegare nell' unità dedicata due laureati (di cui uno esperto in materia e uno con laurea in discipline giuridico-economiche) e tre amministrativi diplomati (di cui due con competenze specifiche ed esperienza almeno quinquennale). L' organico richiesto per il livello medio (fino alla soglia comunitaria per i lavori e fino a un milione di euro per servizi o forniture) e per quelli superiori comporta l' impiego di un numero progressivamente più rilevante di risorse umane con elevato livello di specializzazione e di esperienze, determinando per le stazioni appaltanti una verifica accurata delle figure professionali a disposizione, correlata alla definizione di una mappa delle competenze. In questo senso alcune disposizioni sollecitano le amministrazioni a percorsi innovativi nei processi di reclutamento, come nel caso della norma che obbliga ad avere in organico un dipendente con titolo di studio non inferiore alla laurea in scienze economiche se vogliono sviluppare procedure di partenariato pubblico-privato (nelle quali uno degli elementi-chiave è il piano economico-finanziario). Le amministrazioni devono attivare anche percorsi formativi strutturati, per assicurare adeguati strumenti di conoscenza ai propri operatori impegnati nella gestione degli appalti: la formazione non può essere inferiore a 30 ore all' anno e deve essere definita con un piano. Per conseguire la qualificazione, le stazioni appaltanti devono dimostrare lo svolgimento nel quinquennio precedente di un certo numero di procedure di affidamento di valore pari a quello del livello di qualificazione cui ambiscono: se un ente vuole qualificarsi per l' acquisizione di servizi e beni entro le soglie comunitarie (livello base) deve aver gestito nei cinque anni almeno 15 procedure entro quel valore. In ragione dell' entrata in vigore del Codice da soli due anni, il parametro è in sede di prima applicazione rideterminato proporzionalmente. Lo schema di decreto individua anche gli ambiti di riferimento per le centrali di committenza, stabilendo una ripartizione territoriale su base nazionale, macro-regionale, regionale e di una o più aree vaste. L' impostazione determina per le centrali di committenza più piccole un inevitabile processo di aggregazione. 

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 19/02/2018 - autore Alberto Barbiero


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy