Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Rinvio alla Corte di giustizia per le regole sui subappalti

Rinvio alla Corte di giustizia per le regole sui subappalti
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
08
FEB 18

Le norme italiane che regolano l' utilizzo del subappalto nei contratti pubblici saranno sottoposte al vaglio della Corte di giustizia dell' Unione europea.

È il senso dell' ordinanza n. 148/2018, con la quale il Tar della Lombardia ha appena rimesso ai giudici lussemburghesi il vaglio dell' articolo 105 del Codice appalti (Dlgs n. 50/2016). Il rinvio ha preso forma a valle di un bando di gara pubblicato da Autostrade per l' Italia, per l' ampliamento della quinta corsia della A8. Un' impresa ha fatto ricorso, in seguito all' esclusione motivata proprio con il superamento della soglia prevista dal Codice appalti: il subappalto, in base all' articolo 105 comma 2 del Dlgs, non può sfondare il tetto del 30% dell' importo totale dei lavori, dei servizi o delle forniture.
Tra le contestazioni dell' impresa, compariva anche un riferimento alle norme comunitarie: proprio il tetto sui subappalti, infatti, «non sarebbe conforme alla normativa europea, in quanto quest' ultima, in materia di subappalti, non prevede alcuna limitazione quantitativa». Da qui è nata la decisione del collegio: sospendere il giudizio e sollevare, con un' ordinanza apposita, una questione pregiudiziale di interpretazione del diritto dell' Ue. Non si tratta di un tema inedito. Anzi. Le limitazioni quantitative al subappalto in Italia, come ricorda la stessa ordinanza, sono oggetto di analisi da anni. Sono state introdotte per la prima volta nel nostro ordinamento nel 1990 con una motivazione molto specifica: la consapevolezza che lo strumento del subappalto, in alcune situazioni, «può ben prestarsi ad essere utilizzato fraudolentemente», dice il Tar milanese.
Queste limitazioni sono poi andate avanti negli anni, con ritocchi continui, fino all' ultima revisione del Codice appalti, ad aprile del 2016. La motivazione alla base di tutte è che nel nostro Paese ci sarebbero «pregnanti ragioni di ordine pubblico, di tutela della trasparenza e del mercato del lavoro», come ha detto il Consiglio di Stato nel parere n. 855/2016. Venendo alla storia recente, però, la nuova direttiva europea (2014/24/Ue) affronta il tema del subappalto all' articolo 71 e, secondo il Tar, «consente l' introduzione di previsioni più restrittive sotto diversi aspetti ma non contempla alcun limite quantitativo al subappalto». Questo, in estrema sintesi, «induce il collegio a dubitare della compatibilità» del Codice con le norme comunitarie. La questione, allora, va rimessa alla Corte di giustizia dell' Ue.

 

A cura di Il Sole 24 Ore del 08/02/2018 pag. 23 - autore Giuseppe Latour


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa sul trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679)
Gentile utente, ti informiamo che i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dagli artt. 15-22 del Regolamento UE 2016/679 ai recapiti indicati nella nostra privacy policy; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it

Privacy Policy | Cookie Policy