Logo - Tutto Gare
Studio Amica Tutto Gare Software per la gestione interamente telematica delle gare d'appalto


Bando-tipo, i provvedimenti di esclusione non toccano alla commissione

Bando-tipo, i provvedimenti di esclusione non toccano alla commissione
Logo - Tutto Gare
Logo - Tutto Gare
12
GEN 18

Secondo quanto previsto nel bando - tipo n. 1/2017 - approvato dall' Anac con la deliberazione n. 1228/2017 - la commissione di gara non potrà più adottare provvedimenti di esclusione ma potrà "proporli" al responsabile unico o al soggetto individuato dalla stazione appaltante in base alla propria organizzazione.

L' indicazione, che ha valore vincolate salvo limitate eccezioni o con l' indicazione di precise ragioni che impongano uno scostamento, cambia radicalmente, pertanto, la dinamica del procedimento di gara. Il bando tipo Il bando - tipo, contiene lo schema di disciplinare di gara relativo alla «Procedura aperta per l' affidamento di contratti pubblici di servizi e forniture nei settori ordinari sopra soglia comunitaria con il criterio dell' offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo e propone importanti semplificazioni "per rispondere a esigenze di utilità pratica per le stazioni appaltanti». Il bando tipo risulta "generalmente" vincolante ad eccezione degli enti aggiudicatori che operano nei settori speciali e per gli appalti dei servizi sociali ed entrerà in vigore al quindicesimo giorno dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Una delle principali particolarità è la sostanziale impossibilità delle commissioni di gara di adottare provvedimenti di esclusione. In questo senso, si legge nel documento che in qualsiasi fase delle operazioni di valutazione delle offerte tecniche ed economiche, «la commissione provvede a comunicare, tempestivamente» al soggetto individuato dalla stazione appaltante (che può coincidere con il Rup, con un seggio di gara o con un ufficio/servizio appositamente apprestato) «i casi di esclusione». Nella fase di valutazione, i casi di esclusione potranno riguardare: la mancata separazione dell' offerta economica dall' offerta tecnica, ovvero l' inserimento di elementi concernenti il prezzo in documenti contenuti nelle buste A e B; la presentazione di offerte parziali, plurime, condizionate, alternative nonché irregolari, in base all' articolo 59, comma 3, lettera a) del codice, in quanto non rispettano i documenti di gara, ivi comprese le specifiche tecniche; presentazione di offerte inammissibili, in base all' articolo 59, comma 4, lettere a) e c) del codice, in quanto la commissione giudicatrice ha ritenuto sussistenti gli estremi per informativa alla Procura della Repubblica per reati di corruzione o fenomeni collusivi o ha verificato essere in aumento rispetto all' importo a base di gara. La puntualizzazione risulta coerente con quanto previsto nelle linee guida Anac n. 5 - dedicate alle commissioni giudicatrici - in cui si sottolinea che l' organo valutatore non potrà adottare atti di amministrazione attiva. Andrebbe chiarito se le indicazioni del bando-tipo si devono applicare una volta in vigore il documento oppure una volta a regime l' albo dei commissari. Si ritiene che si debba propendere per questa seconda ipotesi. L' esame delle giustificazioni Ulteriore aspetto di rilievo attiene, inoltre, alla precisazione sul procedimento di verifica dell' anomalia dell' offerta. Secondo l' Anac, pur vero che il responsabile unico del procedimento è il soggetto responsabile del procedimento di verifica, il responsabile unico dovrà verificare le giustificazioni sulla congruità dell' offerta - in seduta riservata - con il supporto della commissione di gara. Sottolineatura quest' ultima che sembra non perfettamente allineata con le stesse indicazioni fornite dall' Anac nelle linee guida n. 3 (sul Rup) in cui si prevede un intervento solo eventuale, nell' attività di verifica, della commissione. Si ribadisce, come già nello schema di bando-tipo, che la prerogativa dell' esclusione - in caso di anomalia - compete al responsabile unico. Infine, sulla proposta di aggiudicazione si afferma che questa compete alla commissione di gara qualora non vi sia un problema di anomalia che procederà comunque a trasmettere tutta la documentazione al Rup. La proposta di aggiudicazione verrà invece redatta dal responsabile unico nel caso in cui si sia reso necessario attivare il procedimento di verifica sulla congruità dell' offerta.

 

A cura di Quotidiano Enti Locali e PA (Sole 24 Ore) del 11/01/2018 - autore STEFANO USAI


Richiedi un contatto

Compila il form per essere ricontatto da uno dei nostri esperti

Informativa ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali
Gentile utente, ti informiamo che ai sensi dell’art.13 del decreto legislativo n. 196/03 i dati personali da te gentilmente forniti nel form elettronico saranno trattati elettronicamente (ed eventualmente con strumenti diversi da quelli elettronici per la gestione delle prenotazioni) dal titolare del trattamento, Studio Amica società cooperativa, e da nostro personale incaricato al solo scopo di: riscontrare le vs. richieste di informazioni; Tali dati non saranno diffusi né comunicati a terzi e, in ogni caso, il trattamento avverrà con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza. Subito dopo il riscontro alle vs. richieste saranno immediatamente cancellati. In ogni caso potrai esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 ai recapiti sopra indicati; Studio Amica assicura che il presente trattamento dei dati personali si svolge nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.  Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati potete consultare la Privacy Policy del sito.

Dichiaro di aver preso visione dell’informativa e autorizzo il trattamento
Certiquality
ISO 9001:2008
Certificato n. IT 39144
Certiquality
ISO 27001:2014
Certificato n. 20856


Recapiti Telefonici

+(39) 0831 63 50 05
fax +(39) 0831 68 12 15
Indirizzo

Studio Amica
Via Giordano, 56
72025 San Donaci (BR)

Sito internet

info@studioamica.it
info@pec.studioamica.it
www.studioamica.it